Differenza tra “proposte migliorative” e “varianti” negli appalti pubblici

Differenza tra “proposte migliorative” e “varianti” negli appalti pubblici

 

L’operatore economico che partecipi ad una gara pubblica da aggiudicarsi secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa si trova, molto spesso, a chiedersi fin dove possa spingersi nel proporre migliorie al progetto, senza  travalicarne i limiti, rischiando l’esclusione dalla procedura.

Conoscere la reale differenza tra “proposte migliorative” e “varianti progettuali” diventa, quindi, essenziale, al fine di guadagnare vantaggio competitivo sui diretti concorrenti, evitando, allo stesso tempo, di di perdere l’affidamento per difformità dal progetto.

 

Date le similitudini che accomunano “proposte migliorative” e “varianti progettuali” appare quindi utile delinearne le differenze, analizzando l’elaborazione giurisprudenziale sul punto.

 

Secondo i giudici amministrativi, le prime propongono soluzioni che non alterano struttura, funzione e tipologia del progetto a base di gara, le seconde sostanziano modifiche del progetto dal punto di vista tipologico, strutturale e funzionale, per la cui ammissibilità è necessaria una previa manifestazione di volontà della stazione appaltante.

Le proposte migliorative possono, quindi, sempre e liberamente, riguardare tutti gli aspetti tecnici lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del progetto posto a base di gara e oggetto di valutazione dal punto di vista tecnico; ciò senza che sia necessaria alcuna predeterminazione dei requisiti minimi delle stesse, poiché possono essere sempre e comunque introdotte in sede di offerta.

 

La giurisprudenza reputa come proposte migliorativetutto ciò che è finalizzato a rendere il progetto a base di gara meglio corrispondente alle esigenze della stazione appaltante, senza tuttavia alterare i caratteri essenziali delle prestazioni richieste e senza che un tanto comporti uno stravolgimento dell’ideazione sottesa al progetto stesso (cfr. Cons. Stato, Sez. V, 14.5.2018, n. 2853; 10.1.2017, n. 42; 21.4.2016, n. 1595; 15.3.2016, n. 1027; […] 11.12.2015, n. 5655 e 16.4.2014, n. 1923).

Viceversa, costituiscono varianti progettuali quelle che si sostanziano in modifiche strutturali e funzionali del progetto (cfr. Cons. Stato, Sez. VI, 19.6.2017, n. 2969).

In definitiva, quindi,  la differenza tra soluzioni migliorative e varianti apportate dall’impresa al progetto posto a base di gara riposa sull’“intensità” e sul “grado” delle modifiche introdotte dal concorrente.

Recentemente, il Consiglio di Stato, Sez. V, con la sentenza n. 2873, del 3 maggio 2019, ha ribadito “il consolidato orientamento giurisprudenziale in ordine alla distinzione tra varianti e migliorie in base al quale, in sede di gara d’appalto e allorquando il sistema di selezione delle offerte sia basato sul criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi in tutti gli aspetti tecnici lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione delle offerte dal punto di vista tecnico, rimanendo comunque preclusa la modificabilità delle caratteristiche progettuali già stabilite dall’Amministrazione, mentre le seconde si sostanziano in modifiche del progetto dal punto di vista tipologico, strutturale e funzionale, per la cui ammissibilità è necessaria una previa manifestazione di volontà della stazione appaltante, mediante preventiva autorizzazione contenuta nel bando di gara e l’individuazione dei relativi requisiti minimi che segnano i limiti entro i quali l’opera proposta dal concorrente costituisce un aliud rispetto a quella prefigurata dalla Pubblica Amministrazione, pur tuttavia consentito (cfr ex multis Cons. di Stato, V, 24 ottobre 2013, n. 5160; Cons. di Stato, V, 20 febbraio 2014, n. 819; Cons. di Stato, VI, 19 giugno 2017, n. 2969; Cons. di Stato, III, 19 dicembre 2017, n. 5967; Cons. di Stato, V, 18 febbraio 2019, n. 1097; Cons. di Stato, V, 15 gennaio 2019, n. 374; per una disamina tra varianti migliorative e varianti non conformi al progetto posto a base di gara si veda: Cons. di Stato, V, 26 ottobre 2018, n. 6121; sulla non fattibilità tecnica della soluzione progettuale dell’offerente a causa della previsioni di varianti non consentite: Cons. di Stato, V, 18 marzo 2019, n. 1749).

Le proposte migliorative consistono pertanto in soluzioni tecniche che, senza incidere sulla struttura, sulla funzione e sulla tipologia del progetto a base di gara, investono singole lavorazioni o singoli aspetti tecnici dell’opera, lasciati aperti a diverse soluzioni, configurandosi come integrazioni, precisazioni e migliorie che rendono il progetto meglio corrispondente alle esigenze della stazione appaltante, senza tuttavia alterare i caratteri essenziali delle prestazioni richieste”.

 

Lo Studio Legale Tristano assiste i propri clienti nella fase di predisposizione dell’offerta, durante la procedura du gara e nei contenziosi riguardanti l’esclusione e la mancata aggiudicazione, il risarcimento danni ed il recupero crediti verso la P.A.